storia

Rivoluzionari sardi e la fusione perfetta sabauda

Rivoluzionari sardi e la fusione perfetta sabauda – In questo articolo parleremo di come a fine del ‘700 un tentativo di occupazione della Sardegna diede il via a moti rivoluzionari e moti indipendentisti e di rivoluzione politica. Tra il 1793 e il 1796 in contemporanea della cacciata dei francesi che volevano occupare la Sardegna, si …

Rivoluzionari sardi e la fusione perfetta sabauda Leggi altro »

Lo stato sardo agli albori: la Corona Aragonese e lo stato pattizio di Sardegna

  Lo stato sardo agli albori: la Corona Aragonese e lo stato pattizio di Sardegna – A partire dal primo decennio del 1300 la Sardegna fu progressivamente unificata tramite spedizioni militari dalla Corona Aragonese di Spagna, che rese l’isola quello che si usa chiamare un’unione personale a detto istituto monarchico, riservandosi di gestirlo in maniera …

Lo stato sardo agli albori: la Corona Aragonese e lo stato pattizio di Sardegna Leggi altro »

Le colonie e le polemiche, intervista al saggista Alberto Alpozzi

Le colonie e le polemiche, intervista al saggista Alberto Alpozzi – Per riprendere il posto al sole che nella storia e nella geopolitica ci spetta di diritto si deve ripartire dalle basi storico culturali di argomenti scottanti su cui si vuole imporre una vergognosa censura. La maggior parte delle nazioni dell’Europa occidentale tra le loro …

Le colonie e le polemiche, intervista al saggista Alberto Alpozzi Leggi altro »

Intervista: Chi ha paura delle Foibe? 

Intervista: Chi ha paura delle Foibe? Intervista allo storico Nicolò Dal Grande – Nel corso dell’Operazione Nubifragio, condotta il 10 dicembre 1943, l’esercito tedesco occupò l’Istria; in quegli stessi giorni i vigili del fuoco di Pola, guidati dal maresciallo Arnaldo Harzarich, si occuparono di estrarre i corpi gettati in una foiba profonda 136 metri e …

Intervista: Chi ha paura delle Foibe?  Leggi altro »

Mona chi ghe crede, boia chi molla

A proposito del “boia chi molla” del sindaco di Rieti e della schifiltosa reazione di Letta. Quel grido significò la difesa dei nostri territori contro gli amici di Togliatti e i nemici dell’Italia. “Mona chi ghe crede, boia chi mola”. Questa la risposta, ironica ed impudente d’un anonimo bersagliere veneto del I^ battaglione volontari, poi …

Mona chi ghe crede, boia chi molla Leggi altro »