Politica

Quando la Meloni chiedeva i voti ai ProLife, lettera aperta di Enrico Pagano

  Quando la Meloni chiedeva i voti ai ProLife, lettera aperta di Enrico Pagano – Pubblichiamo la lettera aperta dello scrittore Enrico Pagano, rivolta al presidente del consiglio Giorgia Meloni all’indomani della decisione del parlamento europeo di inserire l’aborto nei diritti fondamentali dell’unione. L’autore ricorda quando la Meloni strappava applausi al popolo prolife promettendo una …

Quando la Meloni chiedeva i voti ai ProLife, lettera aperta di Enrico Pagano Leggi altro »

Simba la Rue e gli altri: la carica dei trapper violenti

Simba la Rue e gli altri: la carica dei trapper violenti – Torna in carcere il trapper Simba la rue, all’anagrafe Mohamed Lamine Saida un tunisino di 21 anni idolo dei giovanissimi sui social. Il trapper era stato condannato lo scorso ottobre per lesioni e rapina nella cosiddetta guerra tra gang che vide opporsi bande …

Simba la Rue e gli altri: la carica dei trapper violenti Leggi altro »

Donne islamiche nei recinti, i ciechi e sordi nostrani

  Donne islamiche nei recinti, i ciechi e sordi nostrani – Parafrasando un proverbio africano, si può pensare che ogni giorno un progressista si svegli al mattino sapendo che deve sparare una minchiata siderale più grossa di una detta da un altro progressista il giorno prima. Ricordate gli stivali? L’onorevole Soumahoro, idolo fino a pochi …

Donne islamiche nei recinti, i ciechi e sordi nostrani Leggi altro »

Bruxelles: passa la mozione per inserire l’aborto nella costituzione europea

Bruxelles: passa la mozione per inserire l’aborto nella costituzione europea – Continua l’agenda euro-woke. A Bruxelles passa la mozione chiesta da Sinistra e Verdi che chiede di inserire l’aborto nella Carta dei diritti fondamentali dell’Ue e così dopo aver ideologizzato la scienza, l’Unione Europea si piega (o meglio ci piega) ai voleri progressisti, scatenando feste …

Bruxelles: passa la mozione per inserire l’aborto nella costituzione europea Leggi altro »

La democrazia liberale e la progressiva discesa verso il nulla

  La democrazia liberale e la progressiva discesa verso il nulla – Come funziona la democrazia liberale? In TUTTI i paesi ci sono due blocchi principali: la sinistra, (socialdemocrazia o progressisti); daremo loro l’abbreviazione L, per la sua frequente menzione. Il secondo blocco è quello della destra (conservatori o partiti popolari); li chiameremo D. Quelli …

La democrazia liberale e la progressiva discesa verso il nulla Leggi altro »

Elezioni: cambio delle regole a partita aperta

Elezioni: cambio delle regole a partita aperta –  Oggi, dopo la firma del presidente Mattarella, è entrata in vigore la “Legge di conversione del Decreto elettorale 2024”. In questo provvedimento, è stato inserito un emendamento, presentato da Fratelli d’Italia, che restringe fortemente le possibilità per i nuovi movimenti di derogare dalla raccolta di firme per …

Elezioni: cambio delle regole a partita aperta Leggi altro »

Valditara vuole più italiani nelle scuole? Mancano gli italiani nelle culle

  Valditara vuole più italiani nelle scuole? Mancano gli italiani nelle culle – Chissà se Giuseppe Valditara ha dei figli. Probabilmente li avrà, ma certamente anche già grandi per età. Altrimenti, se alternasse ancora il lavoro al Ministero con la briga di portare la prole a scuola ogni mattina, ricorderebbe come i bambini e i ragazzini …

Valditara vuole più italiani nelle scuole? Mancano gli italiani nelle culle Leggi altro »

I negoziati non segreti ma con poca pubblicità di Junker, chiamatelo pure Colpo di Stato

  I negoziati non segreti ma con poca pubblicità di Junker, chiamatelo pure Colpo di Stato – Sì, proprio così, togliamo ogni velo di ipocrisia di stato (la S minuscola è necessaria): l’intervista rilasciata dall’ex Presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker al quotidiano Sole 24Ore  è, nei fatti, una denuncia di un fatto gravissimo. Gravissimo …

I negoziati non segreti ma con poca pubblicità di Junker, chiamatelo pure Colpo di Stato Leggi altro »

Siamo in guerra ma non si può dire

  Siamo in guerra ma non si può dire – E siamo alle solite: l’Italia è in guerra, ma non lo vuole dire, anzi, non lo può dire, perché la quasi totalità degli italiani reagirebbero veementemente all’annuncio che occorre andare a morire per Volodomir Zelensky. Attenzione: non dell’Ucraina, la cui resistenza imposta dall’Occidente sta dissanguando …

Siamo in guerra ma non si può dire Leggi altro »